Una cosa è sicura, i bot sono appena nati. L’intelligenza artificiale dietro queste nuove tecnologie, sta iniziando ora a ad affacciarsi sul nostro mondo. Proprio per questo bot e agenzie immobiliari possono unirsi per trovare una soluzione alla continua ricerca, da parte delle agenzie immobiliare, di modi migliori e più efficienti per gestire i propri contatti o per rispondere alle richieste.

I bot sono uno degli ultimi strumenti nel panorama immobiliare, i quali vogliono offrire un nuovo modo per rispondere ai propri contatti. Non si tratta di robot o di umanoidi, ma possono comunque aiutare una persona a trovare casa, e sono addirittura in grado di rispondere alle domande che un consumatore potrebbe porsi.

Abbiamo deciso in questo articolo di spiegarvi proprio cosa sono i bot, e se e come possono essere utilizzati da un’agenzia immobiliare per migliorare la sua attività, garantendo ad essa una maggior efficienza e professionalità.

Non sei ancora iscritto a WeAgentz? Iscriviti ora per migliorare la tua reputazione online con l’unica piattaforma in Italia completamente dedicata agli agenti immobiliari.

Cos’è un bot?

Nella sua forma più semplice, un bot (o robot) è un programma che può essere utilizzato per effettuare delle operazioni ripetute. Nel settore immobiliare, questo può includere l’estrazione di informazioni o l’analisi di listini immobiliari, cercando le case che combacino con i criteri di ricerca immessi.

Ad esempio, se il vostro cliente ha una lista di preferenze all’interno del vostro CRM, riguardanti le principali caratteristiche della sua casa ideale, un bot non fa altro che estrapolare quelle preferenze e “matcharle” con gli immobili presenti un un database (che sia il vostro portafoglio immobili, o quello di un MLS, o l’intera offerta presente su un portale immobiliare di annunci), creando così una lista di immobili che rispettano gli standard richiesti dal cliente. L’idea generale nonché la cosa interessante di questo processo è che può farvi risparmiare tempo, in quanto svolge azioni al posto vostro e molto più velocemente.

Chi può creare un bot per agenzie immobiliari?

In generale c’è bisogno di uno sviluppatore web, qualcuno che sia capace di lavorare con i codici per costruire il vostro bot. Uno specialista, esterno o da internalizzare nel vostro team, è quello che ci vuole per mettere in moto dei veri e propri robot intelligenti, il cui trend è in netta crescita. Per rendersi conto di quanto si sono sviluppati negli ultimi mesi, basti pensare a Messenger e Skype, che sono già entrati in azione, introducendoli nelle loro chat.

Il pensiero comune è che i bot saranno protagonisti del prossimo futuro in ogni settore, fino a cambiare il modo in cui interagiamo con le compagnie, in cui facciamo ordini o semplicemente poniamo delle domande.

Come può aiutare un’agenzia immobiliare?

Credo sarete del nostro stesso parere se diciamo che le agenzie immobiliari non sono all’avanguardia per quanto riguarda gli avanzamenti tecnologici: anche per questo motivo l’ecosistema nazionale del real estate si trova ancora in una fase di stagnazione, che potrà terminare anche grazie allo spirito innovativo che sapranno adottare gli operatori.

Tra le principali sfide che un’agenzia immobiliare si trova quotidianamente ad affrontare, troviamo anche la capacità di rispondere velocemente ai propri contatti e a richieste di ogni genere (per approfondire questo tema, cliccate qui). In questo e in altri difficili compiti, venendo al dunque, come può un bot essere utile ad un’agenzia immobiliare?

> Rispondendo ai messaggi

Un bot può essere programmato per rispondere immediatamente ai messaggi testuali di programmi come Messenger, compito che spesso, a causa delle contingenze lavorative di tutti i giorni, rimane assai complicato per un agente immobiliare.

Mentre un agente immobiliare ha bisogno di reindirizzare un potenziale cliente agli annunci pubblicizzati su uno specifico sito web, o può consigliare una proprietà che conosce in zona se è particolarmente fortunato, il bot può utilizzare le informazioni fornite dal cliente per definire le proprietà che più combacino con le sue richieste.

Un esempio di una conversazione tra cliente e bot:

  • Cliente: “Come potrebbe posizionarsi sul mercato il mio l’immobile?”
  • Bot: “Sul mercato sono attualmente presenti 6 immobili simili al suo; la sua casa potrebbe rimanere sul mercato per circa 90 giorni”.

> Mantenendo il cliente

Non stiamo dicendo che un bot debba rimpiazzare una persona, assolutamente. Tuttavia i bot hanno delle abilità non indifferenti nel fornire quella rapida risposta che la maggior parte dei clienti si aspetta.

Spesso leggiamo dei report su come gli agenti siano soliti ignorare i contatti provenienti dal web, o su come rispondano dopo 5 e più ore ai messaggi. Questo atteggiamento può sottrarvi dei potenziali clienti, i quali potrebbero ricorrere a un altro agente che ha risposto prima di voi.

> Migliorando l’efficienza

Anche se non volete utilizzare i bot per rispondere direttamente ai vostri contatti, essi possono comunque esservi d’aiuto per accelerare il vostro lavoro. Un bot può facilmente “scannerizzare” i vostri immobili in base a determinati parametri, e ciò può facilitarvi lo svolgimento di una serie di attività quotidiane.

I bot possono mettere in atto funzioni di ricerca molto più veloci delle vostre: immaginate se la vostra agenzia potesse utilizzare i bot per compilare intere liste di immobili!

> Avvertendo i compratori

Le notifiche di ribassi dei prezzi o di nuove case immesse sul mercato potrebbero essere molto apprezzate dai compratori, e queste sono solo alcune delle possibilità che potrebbero offrire i bot in un futuro non molto lontano.

Uomo vs. macchina, perché non uomo e macchina?

Come già detto, un bot può essere un’applicazione che “vive” in un’applicazione di messaggistica istantanea, e considerando che ormai qualsiasi cosa viene “detta” tramite messaggio, non ha senso andarsi a scontrare con i bot, piuttosto traetene vantaggio.

Ogni 5 minuti spesi su un dispositivo mobile, uno di questi viene consumato su Facebook o Instagram. Messenger ha circa 1 miliardo di utenti e i più “antichi” SMS circa 3 miliardi. Proprio per questo i vostri futuri clienti, i Millennials (qui un approfondimento sul tema “interagire con i nuovi compratori di immobili: i Millennials“) non hanno alcun motivo di smettere di usare queste applicazioni, anzi lo faranno sempre di più e sempre meglio.

Conclusioni

Il pensiero comune è che i bot, nelle loro diverse tipologie, sono il futuro, per il settore immobiliare e per molti altri settori.

Neli ultimi mesi sono stati in tanti ad impegnarsi nello sviluppo di bot tramite diverse applicazioni. Per il settore immobiliare, questo presenta forti opportunità di offrire ai consumatori delle risposte puntuali, e di migliorare la loro customer experience con la vostra agenzia.

Sembra che i bot possano prendere l’avvento nelle nostre relazioni, tuttavia, per quanto indispensabili possano diventare, non rimpiazzeranno mai l’unicità e la professionalità garantite da un agente immobiliare.

Se uniti ad un’intelligenza artificiale avanzata e ad una spiccata professionalità individuale, chi dice che un’agenzia immobiliare non possa sfruttare al meglio tutti i vantaggi che i bot possono fornirle?

Sei un agente immobiliare? Avevi già sentito parlare di queste tecnologie? Diccelo su Facebook, Twitter o LinkedIn!

Difficile farti trovare da contatti altamente profilati? Aumenta la tua reputazione online con WeAgentz ed entra in contatto con chi cerca un agente immobiliare. Iscriviti ora, è gratuito!


Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi colleghi per migliorare il tuo lavoro e quello del tuo team