etica professionale immobiliare

Quali sono alcune delle regole più rilevanti che ogni agente immobiliare deve rigorosamente rispettare, in linea con l’etica professionale immobiliare?

L’articolo 1754 del Codice Civile italiano identifica la figura dell’agente o mediatore immobiliare in questi termini:

“E’ mediatore colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza”

Inoltre, l’articolo 1755 dello stesso Codice si esprime così per ciò che attiene il diritto alla provvigione del mediatore:

“Il mediatore ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, se l’affare è concluso per effetto del suo intervento. La misura della provvigione e la proporzione in cui questa deve gravare su ciascuna delle parti, in mancanza di patto, di tariffe professionali o di usi, sono determinate dal giudice secondo equità”

A proposito di provvigione, sarà compito del legislatore riconoscerne il diritto esclusivamente ai mediatori regolarmente iscritti nell’apposita sezione speciale del Registro delle Imprese. Ovviamente, chi eserciterà il diritto di mediazione senza averne le competenze e, quindi, senza alcun titolo, perderà totalmente il diritto di ricevere la provvigione e non potrà chiedere indennizzi.

L’agente o mediatore immobiliare non è semplicemente la figura professionale che mette in contatto chi affitta o vende con chi sta cercando un’abitazione. Il suo ruolo è molto più ampio e viene disciplinato dalla legge. Vediamo quali sono alcuni degli obblighi e doveri da tenere in un’ottica di etica professionale immobiliare.

Non sei ancora iscritto a WeAgentz? Iscriviti ora per migliorare la tua presenza online con l’unica piattaforma in Italia completamente dedicata agli agenti immobiliari.

Etica professionale per agenti immobiliari: perché vale la pena parlarne?

L’etica professionale immobiliare è una tematica cruciale per ogni mediatore, fin troppe volte data per scontato. La poca consapevolezza degli effetti delle proprie valutazioni sulle dinamiche di mercato, unita ad un’etica professionale non chiara, hanno giocato un ruolo chiave all’interno della crisi economica.

Non si tratta di errori commessi, ma soprattutto di mancanze e inadempienze. I tempi della “semplice vendita” oramai sono solo un vecchio ricordo. Il cliente è cambiato. Le persone oggi, soprattutto quelle che acquistano, amano essere rispettate dal mediatore ed hanno bisogno di un sostegno qualificato, che solo i consulenti immobiliari che credono nel valore dell’etica professionale possono offrire.

etica professionale immobiliare

Etica professionale immobiliare: i 5 valori principali

Il ruolo principale dei mediatori immobiliari è garantire la massima imparzialità, grazie anche al buon senso. Questi, infatti, devono essere i garanti del “perfetto bilanciamento” tra chi compra e chi acquista. Ciò significa tutelare l’interesse di entrambe le parti protagoniste, avendo anche il coraggio di dire no ad alcune richieste che potrebbero minacciare la  reputazione aziendale ed il mercato.

Ecco perché vale sicuramente la pena rispolverare il valore dell’etica professionale immobiliare!

Il valore della neutralità nel campo immobiliare

Il mediatore immobiliare che rispetta l’etica professionale non è legato a nessuna delle parti coinvolte. Questo, si occupa di condurre le trattative tra le parti, favorendo la conclusione del contratto, ma senza favorire né l’una né l’altra parte. Per questa condizione di terzietà, il contratto di mediazione si distingue da quelli di:

– Mandato
– Procacciamento d’affari

Nel contratto di mandato, il soggetto agisce per delega ed in rappresentanza di una persona. Di contro, nel contratto di procacciamento di affari, il procacciatore raccoglie ordinazioni e le invia al soggetto che gli ha conferito l’incarico, senza però avere un vincolo stabile con gli altri soggetti coinvolti.

Inoltre, il mediatore immobiliare deve svolgere il proprio incarico rimanendo totalmente  indipendente e neutrale rispetto ai contraenti, ciò significa che è obbligato a comunicare eventuali situazioni che lo pongono in possibili conflitti di interesse.

I requisiti morali (e non solo) da possedere

Per poter esercitare l’attività professionale, ogni mediatore immobiliare deve essere in possesso di diversi requisiti morali e professionali, come superare un esame, all’esito del quale richiedere l’iscrizione nel Registro delle Imprese e nel R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo) a seconda della forma dell’attività, societaria o individuale. Tutto ciò dovrà essere presentato presso la Camera di Commercio del luogo di competenza, per sede o residenza.

Successivamente, l’agente immobiliare deve esibire la segnalazione certificata di inizio attività, la cosiddetta SCIA. Qualora il mediatore non fosse iscritto nel Registro delle Imprese o nel REA, oltre a non poter richiedere la provvigione, sarà soggetto ad ingenti sanzioni amministrative: dai 7.500 ai 15 mila euro. Se queste multe verranno inflitte 3 volte consecutivamente, si trasformeranno in sanzioni penali.

Un altro requisito che ogni agente immobiliare deve necessariamente avere è l’assicurazione sulla responsabilità civile per negligenze o errori professionali. Questa ha lo scopo di coprire i rischi professionali e tutelare i clienti da comportamenti non etici ed errori commessi durante la mediazione.

etica professionale immobiliareIl dovere di informazione dell’agente immobiliare

L’articolo 1759 del Codice Civile afferma che è responsabilità dell’agente immobiliare esporre alle parti coinvolte, circostanze rilevanti a lui note o conoscibili attraverso il criterio della media diligenza professionale.

Questo articolo dunque, esplicita il dovere di informazione attraverso una serie di compiti che l’agente immobiliare deve adempiere al fine di garantire un servizio esaustivo:

– Valutare in modo corretto l’immobile per determinarne il reale valore di mercato
– Richiedere al venditore tutte le informazioni riguardanti la casa: planimetria, atto notarile d’acquisto, visure catastali, dotazioni, stato dell’immobile, aspetti condominiali
– Presentare all’acquirente la reale situazione dell’immobile, mostrando eventuali criticità, come quelle condominiali o riguardanti la manutenzione straordinaria
– Palesare all’acquirente la situazione dell’immobile come risulta dalla Conservatoria dei Registri Immobiliari
– Indicare a tutte le parti coinvolte costi fiscali e notarili

Inoltre, per seguire un’etica professionale immobiliare chiara e limpida, l’agente immobiliare deve garantire la propria assistenza fino alla stipula dell’atto notarile di compravendita. Il mediatore immobiliare sarà responsabile degli eventuali danni arrecati per aver mostrato un immobile con caratteristiche diverse da quelle reali.

La massima scrupolosità nello svolgere il lavoro

Quello di avere la massima prudenza in termini di imparzialità e trasparenza, è un aspetto che dovrebbe essere insito in ogni professionista che lavora nel campo immobiliare. Infatti, è dovere del mediatore immobiliare svolgere il proprio incarico con diligenza e massima scrupolosità sotto ogni punto di vista.

In questo particolare dovere, non rientra quello di verificare presso i registri immobiliari, se l’immobile in questione è pignorato o ipotecato, questo compito è affidato alla figura professionale del notaio. Se si dovesse verificare il caso di inadempimento dell’obbligo di informazione, la parte tenuta al pagamento della provvigione può chiedere il risarcimento dei danni subiti.

La registrazione del preliminare

Per quanto riguarda questo obbligo, spesso sono i contraenti a provvedere alla registrazione del preliminare, ma se essi non lo fanno, è il mediatore immobiliare a dover procedere alla registrazione. Quest’ultimo dovrà richiederla per via telematica, e riguarderà contratti preliminari di compravendita e/o di locazione stipulati con la propria assistenza.

Inoltre, se si presentasse la medesima situazione, anche l’imposta di registro sarà a carico dell’agente immobiliare, in quanto egli ne è responsabile in solido con i contraenti stessi nei confronti dell’Agenzia delle Entrate.

 

Ti abbiamo proposto alcuni suggerimenti per adottare un’etica professionale immobiliare impeccabile, adottando la quale tu possa contribuire in maniera decisiva ad assicurarti un’immagine personale ed aziendale il più professionale possibile.

web advertising immobiliare weagentz

Che cosa ti serve (realmente) sapere per una strategia di web advertising immobiliare efficace? Questo articolo ti chiarirà le idee, fornendoti alcuni spunti interessanti per la tua attività!

L’immobiliare è stato, negli anni della crisi economica, uno dei settori maggiormente colpiti. Fortunatamente i dati dell’Agenzia delle Entrate nel Rapporto Immobiliare 2017 dicono che le compravendite relative al 2016 nel settore residenziale sono state caratterizzate da un trend positivo. Dunque puoi tirare un leggero sospiro di sollievo, ma non è sicuramente il caso di adagiarsi sugli allori.

Ora lo scenario è cambiato. Gli strumenti delle nuove tecnologie sono entrati a far parte della quotidianità delle persone, tue potenziali clienti. La comunicazione interpersonale è sempre più mediata da smartphone, tablet, computer, laptop e, quindi, dal magico mondo di Internet: la massiccia presenza delle persone online fa sì che il web oggi somigli a una sorta di seconda casa, per non dire di prima. In un articolo del nostro blog ti abbiamo mostrato perché è necessario implementare un’efficiente strategia di email marketing nel campo immobiliare. Oggi, affrontiamo la tematica del marketing immobiliare online da un altro punto di vista, quello dell’advertising: ci concentreremo sui due più efficaci strumenti di web advertising immobiliare: Facebook Advertising e Google AdWords.
(altro…)

vendere casa agli stranieri

Il mattone italiano riesce ancora a far battere il cuore agli stranieri che vogliono comprare la seconda casa nel Belpaese, per vivere momenti di relax e lasciarsi coccolare dalla buona cucina, dalle dolci colline, dai suggestivi borghi medievali ed antichi castelli storici, che hanno impregnato di cultura e storia la nostra penisola tanto amata all’estero. Ma come riuscire a vendere casa agli stranieri? Quante volte vi sarete fatti questa domanda!
(altro…)

sublocazioni immobiliari stanza semplice

Continuamente aggiornati sul mercato delle compravendite immobiliari, protagonista di riprese, stalli, flessioni e spesso speranze di imminenti exploit da parte degli operatori del real estate e non solo, ci siamo accorti nel corso degli ultimi anni che vi è un mercato in Italia che merita altrettanta attenzione e sul quale sempre più agenti immobiliari si stanno cimentando come attività principale o secondaria, dedicando spesso dei veri e propri corner fisici all’interno delle proprie agenzie.

Stiamo parlando del mercato delle locazioni, che sta diventando una risorsa essenziale nel mix delle attività quotidiane dei professionisti dell’immobiliare. Oggi, tuttavia, è nostra intenzione approfondire in particolare una branca di questo interessante settore, alla luce anche delle ultime notizie pubblicate dall’ufficio studi di Immobiliare.it, secondo cui nelle 14 città più popolate da fuori sede, i canoni risultano in aumento per il terzo anno consecutivo, con quotazioni cresciute nel del +9% rispetto al 2016. Vi parleremo infatti di sublocazioni immobiliari, con particolare sguardo a quelle che interessano gli studenti universitari.
(altro…)

aste-giudiziarie-immobiliari-agente-immobiliare-WeAgentz

In seguito alla grande crisi economica, sempre più persone intenzionate all’acquisto di una casa si rivolgono alle aste giudiziarie immobiliari, le quali rappresentano un’occasione imperdibile per trovare un ottimo affare. Ma esistono diversi aspetti prettamente tecnici da tenere in considerazione, ecco perché seguire le aste giudiziarie immobiliari potrebbe diventare una nuova attività da implementare in un’agenzia immobiliare.
(altro…)

analisi previsionali agente immobiliare

In un’epoca in cui la tecnologia e il “digital” stanno sempre più invadendo ogni ambito della nostra vita quotidiana, compresa la sfera immobiliare, gli agenti immobiliari si trovano a doversi domandare se le persone abbiano una reale necessità della loro professione da qui ai prossimi anni. Le persone appaiono infatti confuse sul perché dovrebbero pagare una persona che riferisca loro informazioni riguardanti una specifica proprietà o area, quando queste sono quasi sempre a portata di mano sul web o comunque facilmente reperibili. (altro…)

Email marketing immobiliare una priorità per ogni agente

Sono in tanti a parlare di email marketing immobiliare, ma ti sei mai chiesto per quale motivo le email stanno diventando di giorno in giorno uno dei metodi di comunicazione più diffuso? Un primo dato fondamentale, che dovrebbe farti riflettere, è il seguente: il 95% dei clienti che navigano online ha almeno un indirizzo email che controlla periodicamente durante il giorno. Da questo semplice numero potrai facilmente comprendere che uno degli strumenti più efficaci, attraverso il quale arrivare direttamente al cuore dei tuoi potenziali clienti, e cogliere quindi interessanti opportunità, è sicuramente quello delle email. (altro…)

segreti personal branding immobiliare

Il personal branding immobiliare è un’opportunità che le tecnologie “digital” a noi tanto care consentono a chiunque, sia che si tratti di brand immobiliari già strutturati e composti di svariate agenzie in tutto il territorio, sia che si parli di una piccola agenzia immobiliare in un piccolo paesino composta da nessun altro fuorché il suo titolare. E’ una questione molto elementare: basta leggere i nostri articoli e quelli dei tanti blogger ed influencer presenti in rete, partecipare a corsi formativi specifici, leggere alcuni fra i tantissimi libri reperibili sull’argomento, incamerare le informazioni, replicarle su se stessi e all’interno della propria agenzia immobiliare, ed il gioco è fatto. (altro…)

content marketing immobiliare interazione team vendite

Il content marketing è sempre più un aspetto fondamentale nella gestione della tua agenzia immobiliare, non a caso l’89% dei marketing manager impiegati nelle attività immobiliari fa del content marketing il principale strumento di engagement online. Ma cosa significa esattamente fare content marketing? In questo articolo ti parleremo di content marketing immobiliare, andando ad analizzare in particolare la correlazione che deve venire a crearsi fra il tuo reparto di marketing ed il team commerciale della tua agenzia o franchising, costituito da procacciatori d’affari e venditori di immobili. (altro…)