Le tecnologie che popolano i mercati sono sempre più numerose e varie, e questo è vero anche in ambito immobiliare. In un contesto di questo genere, in cui la scelta è davvero molto ampia, come puoi capire qual è il miglior CRM immobiliare?

Gli standard produttivi legati alla tecnologia aumentano in maniera esponenziale, facendo evolvere in maniera repentina anche le principale caratteristiche dei sistemi CRM. Ma quello che devi tenere bene a mente, è soprattutto che ciò che può funzionare per i tuoi colleghi può non essere la soluzione ottimale per te. Per questo motivo è importante avviare ricerche adeguate, che ti permettano di capire quale CRM immobiliare meglio si allinea alle tue esigenze personali, nonché a quelle del tuo business.

Non sei ancora iscritto a WeAgentz? Iscriviti ora per migliorare la tua reputazione online con l’unica piattaforma in Italia completamente dedicata agli agenti immobiliari.

Ho davvero bisogno di un CRM immobiliare?

Ma facciamo un passo indietro. Probabilmente ti chiederai se sia davvero utile introdurre nella tua agenzia un sistema CRM. Bene, siamo pronti a scommettere che qualsiasi agente immobiliare di successo, ed i case study sono evidenti sia in Italia quanto soprattutto in mercati più evoluti, potrà confermare che sia stata l’introduzione di questa specifica tecnologia ad imprimere una spinta decisiva al proprio business, apportando anche numerosi benefici nel lungo periodo.

Grazie a questi sistemi, infatti, un professionista dell’immobiliare può nutrire e corroborare le relazioni con i propri clienti, incrementare la produttività e raggiungere, quindi, i propri obiettivi.

Anche se i processi attraverso i quali vengono implementati ed utilizzati tali sistemi possono cambiare da professionista a professionista, lo scopo ultimo di un CRM immobiliare è proprio quello di rafforzare la relazione con i propri clienti ed incrementare la propria produttività.

CRM immobiliare e dati

Se ti stai ancora chiedendo se davvero valga la pena o meno di iniziare ad utilizzare un CRM immobiliare, eccoti alcuni dati che ti possono aiutare a prendere una decisione.

Una recente indagine condotta da REAL Trend, relativamente alla presenza, all’utilizzo e all’impatto dei sistemi CRM all’interno del mercato immobiliare, ha messo in evidenza la presenza di una forte correlazione tra utilizzo di questa tecnologia e la produttività dell’agente immobiliare.

Secondo lo studio, infatti, il 94,6% degli agenti sostiene che l’utilizzo di un CRM immobiliare ha incrementato in maniera significativa la loro produttività, addirittura, in alcuni casi, con un incremento pari o superiore al 50%.

Ma non si tratta solo di una mera sensazione degli agenti, infatti lo stesso studio mette in evidenza che i professionisti del settore che utilizzano questo strumento chiudono, di fatto, un maggior numero di transazioni rispetto a coloro che non ne fanno uso, esattamente pari al 28,2% in più.

Questo risultato rafforza la tesi che un utilizzo appropriato di un CRM immobiliare abbia un impatto positivo sulla produttività degli agenti e sulla crescita del loro business.

Qual è il valore di un CRM immobiliare?

Secondo il REALTOR Technology Survey, i sistemi CRM continuano a piazzarsi fra i primi posti nelle classifiche relative agli strumenti immobiliari di maggior valore.

Nonostante ciò, ci sono ancora agenti che fanno resistenza relativamente all’adozione di questa nuova tecnologia, sia che si tratti di implementare un CRM immobiliare per la prima volta, sia che si tratti di cambiare sistema.

A nostro parere, l’elemento chiave per far avviare una svolta in tal senso, è quello di far capire e trasmettere il reale valore potenziale di questa tipologia di strumento, grazie anche al supporto di dati reali.

Qual è il focus in base al quale valutare il valore di un CRM immobiliare?

Studi di settore hanno riportato che gli agenti spendono il 44% del loro tempo su dispositivi mobili, lavorando per i loro clienti e rispondendo alle loro richieste e necessità.

Basandoci su questi dati, ogni strumento che permetterà agli agenti di rispondere ai loro contatti nel più breve tempo possibile sarà fondamentale. Anche tu, quale professionista del settore, sarai d’accordo nel sostenere l’importanza di strumenti, più o meno tecnologici, che ti consentano di condurre il tuo business a ritmi elevati e nella maniera più efficace possibile.

Quali funzioni non possono mancare in un CRM immobiliare?

Secondo un’analisi effettuata da Inman, la gran parte degli agenti immobiliari non utilizza appieno tutte le funzionalità del proprio CRM, ma si focalizza solo su alcuni elementi che ritiene essere fondamentali e che creino realmente un valore in termini di velocità e rapidità. In tal modo per gli agenti sarà possibile organizzare scrupolosamente il proprio business, rispondere alle richieste dei clienti e fornire il miglior servizio possibile.

Per tale ragione i maggiori professionisti dell’immobiliare sottolineano l’importanza della personalizzazione di questa categoria di strumenti, nonché un maggior grado di integrazione con altre tecnologie rilevanti.

Dall’indagine di Inman emerge che le caratteristiche più rilevanti di un CRM immobiliare, secondo gli esperti del settore, sono le seguenti:
– organizzazione dei contatti (61,2%)
– gestione delle attività (56,5%)
– facilità d’uso (50,6%)

Lo studio CRM + Agent Adoption di REAL Trends va un po più nello specifico e mette in evidenza che i tre fattori che gli agenti utilizzano maggiormente nei loro CRM sono i seguenti:
gestione delle relazioni (85,19%)
– email marketing (67,72%)
– organizzazione della fase di follow-up (63,49%)

CRM immobiliare e ROI

Il CRM immobiliare è un investimento o una spesa? Quando Inman ha posto questa domanda nell’ambito della sua indagine, la maggior parte degli agenti intervistati (78,2%) ha risposto sostenendo che l’implementazione di un CRM rappresenta un vero e proprio investimento, e non una mera spesa. E’ vero, implementare un CRM richiede tempo, e come si suol dire il tempo è denaro. Ma come detto in precedenza, si tratta di un vero e proprio investimento e, in quanto tale, richiede che tu investa qualcosa, in termini di tempo, denaro, risorse umane e altro ancora, per far sì che si possano vedere risultati soddisfacenti. Infatti, è proprio per questo che parliamo di ROI, ovvero ritorno sull’investimento (Return On Investment), che implica necessariamente che per avere un ritorno e quindi un risultato, devi obbligatoriamente investire.

Se mentre stai leggendo questo articolo, stai pensando che il ROI legato all’implementazione del tuo CRM immobiliare sia molto basso o quasi nullo, questo può dipendere da due principali fattori:
– stai utilizzando un sistema di CRM non adeguato al tuo business;
– non stai investendo abbastanza tempo e sforzi per far funzionare tale strumento ad hoc in base alle caratteristiche della tua agenzia immobiliare.

Scegli il CRM immobiliare che fa per te

Qual è il CRM giusto per te? Non esiste una risposta univoca. Ogni professionista dell’immobiliare ha obiettivi, caratteristiche ed esigenze differenti. Quello che possiamo sicuramente consigliarti è, però, di non scegliere un CRM solo perché tanti dei colleghi che conosci lo stanno utilizzando. Nonostante ci siano piattaforme più popolari e meno costose di altre, implementare il sistema CRM sbagliato non ti porterà alcun valore e nessun ROI soddisfacente.

La scelta di un buon software immobiliare è una decisione importante, e talvolta un passo cruciale per la sopravvivenza della nostra attività. Per cui fai una scelta consapevole, che si basi sulle necessità reali tue e del tuo business.