Ultimamente si sta dando sempre più importanza alla massimizzazione della conversione online dei lead, ed uno dei metodi più efficaci attualmente sul mercato è senza dubbio quello delle newsletter. Tuttavia sono in pochi a sapere come costruire la newsletter di un’agenzia immobiliare, che sia performante e riesca a raggiungere l’obiettivo di convertire il contatto in potenziale cliente.

Nonostante questo sia l’obiettivo principale di ogni strategia di marketing di un’agenzia immobiliare, creare delle newsletter da inviare alla vostra utenza risulta un modo efficace anche per coinvolgerla e aiutare così la diffusione dei contenuti della vostra agenzia. Proprio per questo abbiamo deciso di venire in vostro soccorso, per esservi d’aiuto nella creazione delle vostre newsletter.

Non sei ancora iscritto a WeAgentz? Iscriviti ora per migliorare la tua reputazione online con l’unica piattaforma in Italia completamente dedicata agli agenti immobiliari.

Partite dal form per l’iscrizione

La maggior parte degli utenti che visita il vostro sito e magari lo trova anche interessante, non viene abbastanza motivata ad iscriversi alla newsletter, in fin dei conti quali vantaggi trarrebbe dall’iscriversi? I benefici sono abbastanza rilevanti?

Perciò, prima di definire quali sono le caratteristiche principali che dovrebbe avere il vostro form d’iscrizione, pensate bene a perché un visitatore dovrebbe iscriversi alla newsletter di un’agenzia immobiliare: mettetevi nei loro panni, vorreste veramente iscrivervi alla vostra newsletter? Quando avrete risposto a queste domande, inserite la call-to-action che invogli il lettore a compilare il form per entrare a far parte della vostra lista contatti.

Vi sembrava fosse finita qui? Purtroppo no, non basta solo pensare a cosa scrivere per invogliare all’iscrizione, ma è necessario pensare anche a dove inserire il pulsante che indirizza al form per l’iscrizione. Sembra sciocco, ma la posizione del banner con cui chiedete ai vostri utenti di iscriversi è davvero importante! Potremmo dirvi dove riteniamo sia meglio inserirlo, ma il miglior modo per scoprirlo è tentare, fate delle prove e confrontate i risultati per valutare quale posizione è migliore per il vostro sito web e risulta più accattivante per i vostri visitatori.

Curate l’aspetto

Adesso che avete definito come convincere i vostri visitatori ad iscriversi, è ora di pensare alla newsletter vera e propria. Per massimizzarne il valore è importante bilanciare lo sforzo impiegato tra contenuto e struttura, in modo da poter generare da questo mix una grande user experience.

Non pensate che la struttura della newsletter di un’agenzia immobiliare debba essere molto diversa da tante di quelle che puntualmente arrivano sule vostre caselle di posta. Ci sono infatti degli standard che sono indiscutibilmente performanti e che dovreste assolutamente utilizzare per coinvolgere efficacemente i vostri contatti: qui di seguito proviamo a fornirvi alcune importanti indicazioni sulla struttura che dovrete creare per costruire le newsletter della vostra agenzia immobiliare.

> Template Responsivo

Pochi agenti sanno come costruire una newsletter da zero, ed è proprio per questo motivo che in molti sono soliti utilizzare dei template preimpostati. Nulla di sbagliato, ma fate attenzione che questi siano responsivi e permettano l’aggiunta del testo e dei vostri contenuti multimediali in modo facile e veloce. Perché vi diciamo questo? Beh, ve lo diciamo perché la maggior parte delle email, e quindi delle newsletter, vengono visualizzate tramite dispositivo mobile, perciò utilizzare dei template responsivi è ormai un dovere.

Potreste anche costruire il vostro template partendo da zero, ma considerando che siete degli agenti immobiliari e non degli sviluppatori o più in generale degli informatici, a meno che non abbiate competenze particolari, è meglio in tal caso chiedere aiuto ad un esperto, che può costruire dei template su misura mentre voi siete intenti a concentrarvi sui vostri affari.

> Mittente personalizzato

Sapere che c’è una persona vera e propria dall’altra parte dello schermo, aiuta vostri destinatari a fidarsi di voi.

Buona parte delle newsletter di un’agenzia immobiliari sono automatizzate, tuttavia è sempre possibile personalizzarle inviandole con il vostro vero indirizzo email o uno simile (ad esempio: marionewsletter@agenzia), mostrando così che la newsletter viene inviata da una persona e non da un robot.

Questa tecnica spinge il lettore a scrivere a quell’indirizzo email nel caso abbia dei dubbi o delle domande da porvi. In fin dei conti, non vi è mai capitato di avere delle domanda da fare ad un’azienda dopo aver letto una newsletter, e trovare scritto “per favore, non rispondete a questo messaggio”? Fastidioso vero? Quindi rendete la vita facile ai vostri contatti, permettendogli di contattarvi dopo aver letto la vostra newsletter.

> Oggetto creativo

Anche se i vostri clienti si iscrivono alla vostra newsletter, non significa che questi poi la apriranno una volta che la ricevono: ciò che più può contribuire convincerli a farlo, non è altro che l’oggetto dell’email. Molti agenti immobiliari con cui abbiamo lavorato, hanno detto di utilizzare lo stesso oggetto per mesi.

Purtroppo per loro, questa non è la tecnica più adatta per la costruzione delle newsletter da parte degli agenti immobiliari, semplicemente perché un oggetto sempre uguale non incentiva il lettore a fare click su quella specifica email in quel preciso istante. Un approccio migliore sarebbe infatti utilizzare un oggetto diverso, creativo e coinvolgente per ogni newsletter che mandate.

> Titolo interessante

Il titolo della newsletter è la prima cosa che salta all’occhio del lettore, dunque dipende proprio da questo se il lettore continuerà a leggere la vostra email una volta aperta e se cliccherà sui link all’interno di essa, oppure se il suo interesse svanirà non appena aperta e “rimbalzerà” fuori.

Per questo motivo, è importante che il titolo sia un brevissimo riassunto di ciò di cui la newsletter tratta: ad esempio, se nella newsletter volete parlare della reputazione online e di come questa possa essere migliorata tramite l’utilizzo dei social network, un titolo efficace potrebbe essere: “Perché essere social può migliorare la vostra reputazione”.

> Testo efficace

Prima di andare diretti al contenuto della newsletter, è importante capire la struttura che il testo stesso dovrebbe avere, vale a dire capire come formattare ogni elemento, così che possa facilitare la lettura e l’analisi dell’intero messaggio da parte del lettore: dare la priorità ai contenuti più importanti mettendoli all’inizio, creare dei periodi di lunghezza adeguata, utilizzare tutte le parole chiave legate al tema trattato.

Oltre a questo, è importante che il contenuto di una newsletter di un’agenzia immobiliare sia ben bilanciato, il che significa dedicare un 90% della newsletter a scopi informativi e solo un 10% per fini promozionali. Perché questo? Semplicemente perché i vostri clienti non vogliono sentir parlare esclusivamente del vostro servizio: non scrivete una newsletter che si concentri solo sull’autopromozione del vostro brand immobiliare, ma piuttosto utilizzatela come mezzo di informazione per i vostri utenti.

Molti utenti decidono di iscriversi alle newsletter proprio perché queste offrono un contenuto informativo gratuito e di lunghezza ridotta, che non richiede più di un minuto per essere letto. Com’è necessario per ogni strategia che si rispetti, però, è essenziale fare delle prove per definire quale sia la lunghezza più adatta alla vostra audience.

> Link alle pagine dei social network

Sì, il focus della vostra newsletter è aumentare le conoscenze dei vostri utenti e intrattenere con loro una relazione solida e duratura, spingendoli verso la nascita di un nuovo affare. Questo però non significa che non possiate promuovere la vostra persona e la vostra presenza online inserendo i link della vostra pagina Facebook (qui un approfondimento sul tema: “Real estate e social network: Facebook immobiliare”), LinkedIn, Youtube, ecc… C’è una determinata situazione in cui, comunque, vi sconsigliamo di inserire questi link, cioè quando le vostre pagine non sono aggiornate costantemente con contenuti rilevanti.

> Call to action finale

Per concludere degnamente la stesura della newsletter di un’agenzia immobiliare, è il caso di inserire un po’ di marketing vero e proprio, inserendo una call to action (CTA) che spinga gli utenti a compiere un’azione a vostro favore dopo aver letto la newsletter. Qualsiasi sia la vostra call to action, assicuratevi che questa sia in posizione di risalto rispetto al resto del testo, e che possa attirare facilmente l’attenzione dell’utente. In tal modo quest’ultimo sarà più motivato a cliccare su di essa, ma fate ben attenzione che quando l’utente cliccherà sul link, questo lo indirizzi davvero al contenuto che avete promesso.

> Cancellazione facile

Un utente potrebbe essersi iscritto anche solo per curiosità alla vostra newsletter, volendo in un secondo momento annullare la sua iscrizione: rendergli facile quest’azione è utile alla newsletter di un’agenzia immobiliare per mantenere una lista di iscritti che, sebbene più ridotta, sia formata da utenti attivi ed interessati al coinvolgimento.

Questa non è l’unica ragione per facilitare l’eliminazione dalla newsletter, infatti inserire un link per la cancellazione, assicurerà che la vostra email non venga categorizzata come spam. Perciò, per evitare questo spiacevole inconveniente, inserite un bel link di “Unsubscribe” alla fine della vostra newsletter.

> Provare, provare e provare

Finora abbiamo parlato di come un agente immobiliare dovrebbe impostare correttamente una newsletter, ma nonostante ciò la cosa più importante da fare è provare sempre nuove soluzioni: quello che funziona per gli utenti di un agente, non è detto funzioni per quelli di un altro. Solo dai risultati conseguiti e dal confronto con quelli precedenti, potrete creare delle newsletter davvero efficaci per il vostro target.

Conclusioni

Essere in possesso di un sistema di newsletter è fondamentale per un brand immobiliare per mantenere attivo il rapporto con i vari clienti, dagli ex clienti ai nuovi e addirittura ai potenziali. Tenetevi informati sulle novità del mercato di cui fate parte e di cui i vostri lead si interessano, motivandoli a ricorrere a voi per le loro future necessità, piuttosto che indurli a ricercare un nuovo agente che li coinvolga di più tramite newsletter davvero efficaci.

Sei un agente immobiliare? Hai una newsletter? Diccelo su Facebook, Twitter o LinkedIn!

Difficile farti trovare da contatti altamente profilati? Aumenta la tua reputazione online con WeAgentz ed entra in contatto con chi cerca un agente immobiliare. Iscriviti ora, è gratuito!


Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi colleghi per migliorare il tuo lavoro e quello del tuo team.